La Società del presidente Faggiani, a nome di tutto il Consiglio, ringrazia Stefano per tutto quello che ha dato in questi anni e per le belle parole che ha postato su Facebook e riportate di seguito.

«Non è facile trovare le parole per descrivere qualcosa che mi ha accompagnato sempre, finora, nella vita.

Quando da piccolino andavo a vedere le partite dei grandi, pensavo che un giorno forse avrei indossato quella maglia, ma mi sembrava tutto così lontano nel tempo. Poi gli allenamenti, le prime convocazioni, e quella maglia che dovevamo restituire dopo ogni partita. Lo odiavo quel momento. Io volevo la MIA maglia.

Qualche tempo dopo eravamo li a giocarci un titolo nazionale giovanile. Stessa maglia, numero diverso, stessa voglia di vincere. Perdemmo la finale, ma le persone che nei giorni dopo si complimentarono con noi o dissero di essersi appassionati a questo sport grazie a noi mi hanno permesso di continuare a giocare per qualcuno e mi hanno fatto capire ancora una volta che il basket va ben oltre i confini del rettangolo di gioco.

Poi le stagioni in C2, da neoretrocessi a ultimi in classifica, passando per una salvezza miracolosa, e questi ultimi due anni in cui sono arrivate due qualificazioni ai Playoff. Quelle partite che non dimenticherò mai, il palazzetto stracolmo di gente, la gioia di poter esultare e soffrire insieme al pubblico. L’orgoglio di portare una maglia che avevo sempre voluto fin da bambino e che sono sicuro i ragazzini sugli spalti un giorno vorranno indossare, proprio come lo volevo io.

Quattordici anni con questi colori, sette anni di prima squadra, insomma un bel pezzo della mia vita. Anche se adesso ho deciso di cambiare maglia, quella numero 10 rimarrà sempre un pezzo del mio cuore, così come un 15 di qualcuno che non c’è più ma che so che è sempre con me.

Grazie a coloro che sono venuti a vedere anche solo una sola partita.

Grazie a quelli che mi odiano, perché è anche grazie a loro che sono diventato quello che sono.
Ma soprattutto grazie alle persone che mi sono sempre state vicine e che hanno creduto in me, e a tutti quelli che in questi giorni mi hanno fatto i complimenti.

Ora è il momento di alzare l’asticella e saltare un po’ più in alto…»

Stefano

 

In bocca al lupo Pontix e che la tua nuova avventura sia ricca di soddisfazioni. La maglia numero 10, quando vorrai, sarà sempre a tua disposizione. Grazie ancora.

 

                                                                                                                     ADP Codroipese

Post correlati