Muggia – Il passivo non tragga in inganno. Nel complesso è stata una partita intensa e dignitosa di Codroipo contro le “marziane” con il tricolore sul petto. L’inizio è contratto e timoroso, pessimo il secondo quarto con un 20-7 preoccupante che ci porta al riposo sotto 32-10. Il gap tecnico e fisico c’è e non si discute ma molto dipende dall’approccio mentale. Ferro lo sa e negli spogliatoi fa il terapeuta e convince le ragazze.

L’esiguo parziale di 18-13 per le avversarie nella seconda parte di gara lo dimostra. Muggia non regala mai nulla ma sono le nostre che le fanno diventare umane con una difesa eccezionale. Alternano zona e uomo applicandosi tatticamente come Ferro l’aveva preparata. Ogni palla diventa preziosa e si vede. Fermare a 50 punti (di cui solo 40 dal campo) la corazzata muggesana non è facile. A memoria dovrebbe essere la prima volta che avviene. Ripartiamo da qui. Quando le ragazze applicheranno in attacco la continuità e la fluida circolazione di palla voluta dal coach ne vedremo delle belle.

 

Parziali: 12-3, 32-10, 42-15, 50-23

Arbitro: Luca Lunardelli